I danni della caccia

Quanto incide la caccia sull’ambiente?

Siamo nel 2021 ed è triste pensare a come, nonostante ci sia più sensibilità verso la natura rispetto al passato, purtroppo l’attività di caccia continui ad essere praticata in tutto il mondo, inclusa l’Italia.

L’attività di caccia inizialmente veniva praticata e tramandata dalle popolazioni antiche per potersi cibare e proteggersi, mentre oggi è diventata per molti un’attività sportiva, che punta soltanto sul “divertimento” e sul vanto.

Quest’attività oltre che essere dannosa per gli animali, che diventano delle vere e proprie vittime, è sia dannosa per l’ambiente che pericolosa per l’uomo.

Quali sono i danni che provoca la caccia?

Danni alla fauna e alla biodiversità

L’attività di caccia, oltre che essere causa della morte di tanti animali, genera paura e stress negli stessi, e rischia di far disperdere in maniera caotica interi gruppi familiari, sconvolgendo così il loro naturale equilibrio e i loro ritmi riproduttivi.

Morte o abbandono di cani da caccia

Purtroppo anche i cani da caccia spesso restano vittime della stessa, così come anche altri animali domestici, da cortile o randagi che, nascosti dietro le siepi, vengono scambiati per cinghiali.

Oltre ai danni degli spari, i cani da caccia rischiano la morte anche per annegamento, scontro con la preda o per avvelenamento. Inoltre, molti cacciatori si liberano del proprio cane una volta divenuto anziano abbandonandolo nelle campagne, o addirittura abbattendolo per intascare l’indennizzo per gli incidenti di caccia, facendolo passare proprio come tale.

Morti e feriti accidentali, violazione della proprietà privata e danni al turismo 

Non pensate che l’uomo sia immune ai danni della caccia!

Purtroppo ci sono persone che sono state colpite, o addirittura uccise, mentre passeggiavano tranquillamente perché scambiate per delle prede. Questo accade anche nei pressi di abitazioni private in zone rurali o di montagna, dove molte persone sono costrette ad abbandonare la loro casa perché correvano il rischio di essere colpiti anche all’interno del proprio giardino.

Questa attività, ovviamente, ha forti ripercussioni anche sul turismo sportivo, naturalistico ed escursionistico e di conseguenza anche sulle attività ricreative e di ristoro dei dintorni.

Inquinamento da piombo

Il piombo, contenuto all’interno delle cartucce dei fucili è un metallo altamente tossico e cancerogeno. Questo, disperso nell’ambiente, si deposita sul terreno e nelle acque generando un inquinamento chimico ambientale che danneggia gli animali e l’uomo, diventando parte della catena alimentare!

Aiutiamo gli animali e l’ambiente, sensibilizziamo le persone affinché questa pratica venga finalmente abolita! La natura è nostra amica!

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
ecologia

I danni della plastica sul pianeta

I consigli di Brisco per ridurne l’utilizzo È ormai risaputo che la plastica è uno dei materiali di consumo comune più inquinante per il nostro

ecologia

Prodotti ecosostenibili per la cura della persona

Aiutare l’ambiente ogni giorno Tutti noi possiamo contribuire alla cura dell’ambiente ogni giorno, prestando attenzione agli oggetti che utilizziamo nel quotidiano. Oggi vogliamo suggerirvi alcuni

Pronto ad acquistare il tuo Brisco?

visita il nostro shop

brisco in ambiente interno

Benvenuti

BRISCO fai la differenziata con stile

logo brisco colore

Effettua il login